Seleziona Pagina

I 5 Pilastri dell’Intelligenza Emotiva – Sblocca il tuo Potenziale

I 5 Pilastri dell’Intelligenza Emotiva – Sblocca il tuo Potenziale

I 5 Pilastri dell’Intelligenza Emotiva.

Intelligenza emotiva, cos’è?

A differenza di quanto pensiamo il quoziente intellettivo non è l’unico fattore per il successo nella vita. Di solito, quando pensiamo all’intelligenza, la associamo a cose come la logica, la matematica e la scienza.
Tuttavia, secondo lo psicologo Daniel Goleman esiste un altro tipo di intelligenza, l’intelligenza emotiva, che controlla tutti quei fattori quali autostima, autocontrollo, entusiasmo, perseveranza.

 

Abbiamo due menti, una che pensa, l’altra che sente. Queste due modalità della conoscenza, così fondamentalmente diverse, interagiscono per costruire la nostra vita mentale.” Daniel Goleman

 

La visione di base dell’intelligenza emotiva è che le emozioni non sono necessariamente l’opposto del pensiero, ma un modo diverso di pensare ai diversi tipi di problemi che esistono nel nostro mondo.
In altre parole, le emozioni possono essere uno strumento molto prezioso per guidare le nostre scelte e il processo decisionale.

 

 
Alla luce della sua teoria dell’evoluzione, Charles Darwin ha teorizzato che le nostre menti si sono evolute per provare emozioni in modo che possiamo adattarci meglio al nostro ambiente.

Ad esempio, ci siamo evoluti per sperimentare un’emozione come la “paura“, così da poter rispondere meglio a una situazione che è negativa per la sopravvivenza. In questo caso, la paura è un’emozione che ci motiva ad evitare qualcosa quando siamo in pericolo.

D’altra parte, un’emozione “positiva“, come la gioia, può segnalarci che una situazione fa bene alla sopravvivenza. In questo caso, la gioia è un’emozione che ti motiva a cercare più di qualcosa.
Questa è un’analisi molto semplice e rudimentale e non si avvicina minimamente alla descrizione delle complessità del nostro mondo emotivo (così come del mondo sociale) ,ma ci dà un’idea di come le diverse emozioni possano guidare i nostri comportamenti in modi diversi.
L’intelligenza emotiva riguarda l’essere più consapevoli delle nostre emozioni e di ciò che ci stanno segnalando.
Di seguito troverai i 5 pilastri dell’intelligenza emotiva e come applicarli alla tua vita quotidiana.

Pilastri Intelligenza Emotiva

Autocoscienza

Il primo dei pilastri dell’intelligenza emotiva sta nel prestare attenzione alle tue stesse emozioni.
Le emozioni si presentano spesso in due parti principali:
1) La componente psicologica : i pensieri, gli atteggiamenti e le convinzioni che sono alla base della maggior parte delle nostre emozioni,
e
2) La componente fisica : le sensazioni corporee che spesso accompagnano stati emotivi diversi.
 l'intelligenza emotiva
Ad esempio, un’emozione come il nervosismo può essere una miscela di certi pensieri (“Non sono bravo in questo” o “Ho paura di fare un errore”) e certe sensazioni nei nostri corpi (“avere le farfalle nello stomaco”).
A volte essere più consapevoli dei nostri stati emotivi (e di tutti i loro componenti) è sufficiente per gestirli meglio. In uno studio recente, hanno scoperto che etichettare semplicemente le emozioni negative può aiutarti a superarle.
La prossima volta che provi un’emozione davvero forte, prova a fare un passo indietro e ad osservare quell’emozione così com’è. Chiediti: “Che cosa sto provando? Cosa sto pensando? Quali sensazioni fisiche sto vivendo con questa emozione? “
Un po ‘di onesto riflesso delle tue emozioni può davvero aiutarti a capire meglio te stesso e come la tua mente funziona davvero.

Autocontrollo

 

Una volta che sei più consapevole delle tue emozioni, il prossimo dei pilastri dell’intelligenza emotiva consiste nell’imparare come rispondergli meglio.

A seconda della situazione, ci sono molte strategie diverse che possiamo usare per regolare meglio le nostre emozioni.
Alcune di queste strategie includono:
  • Incanalare un’emozione in un modo nuovo e costruttivo, come attraverso l’esercizio, la scrittura o la pittura.
  • Evitare i fattori/eventi scatenanti, come certe persone, situazioni o ambienti che sono più propensi a far emergere un’emozione negativa.
Ricerchiamo invece esperienze positive per invertire i la tendenza negativa delle nostre emozioni (come guardare una commedia quando ci sentiamo giù o ascoltare musica motivante quando siamo pigri, uscire con gli amici ).
Trasforma le emozioni facendo l’opposto di ciò che senti.
Guarda le emozioni come un osservatore passivo, invece di agire su di loro impulsivamente.
Queste sono tutte strategie a nostra disposizione per aiutarci a regolare meglio le nostre emozioni su base giornaliera.
 pilastri intelligenza emotiva
Pensa all’intelligenza emotiva come a una specie di kit di strumenti.
Esistono molti modi diversi per rispondere a un’emozione particolare, e non tutti gli strumenti funzioneranno a seconda della situazione.
Più diventerai emotivamente intelligente, meglio saprai decidere qual è il modo migliore per rispondere a un’emozione.
Ma ciò richiederà una pratica costante e una forte consapevolezza di se.

Motivazione di se stessi

 

Un’altra caratteristica chiave dell’intelligenza emotiva è l’abilità di motivare se stessi a rimandare la gratificazione temporanea per ottenere benefit più grandi e concreti in futuro.
Nel libro viene riportato il test delle caramelle: un gruppo di ricercatori sottopone ad un gruppo di bambini la possibilità di avere una caramella subito, oppure due dopo 15 minuti.
Circa 10 anni dopo quegli stessi bambini vengono analizzati nuovamente e si scoprì che coloro che avevano aspettato per ottenere la seconda caramella, nella loro vita avevano avuto più successo nelle relazioni, erano più sicuri di se, erano capaci soprattutto di sacrificare comfort temporanei per  raggiungere obiettivi più importanti ; ed in generale erano più abili nell’affrontare le difficoltà della vita.
Ovviamente è possibile sviluppare questa, chiamiamola forza di volontà, proprio come quando sviluppiamo un muscolo, esercitandolo più e più volte.
Goleman inoltre differenzia due tipi di persone prendendo in esame come i fallimenti vengono affrontati;
 test intelligenza emotiva
Gli ottimisti attribuiscono il fallimento a fattori modificabili e di conseguenza risolvibili, in grado di farli performare meglio alla prossima occasione.
I pessimisti attribuiscono la conseguenza del proprio fallimento a loro stessi e a circostanze durevoli, senza la possibilità di essere modificati.
Questo si ripercuote nel modo in cui queste persone reagiscono agli eventi della vita.

 

Uno dei pilastri dell’intelligenza emotiva più importanti – Empatia

Comprendere le proprie emozioni è metà dell’intelligenza emotiva, l’altra metà è comprendere le emozioni degli altri.
Man mano che miglioriamo la “consapevolezza di noi”, miglioriamo anche “consapevolezza altrui”. Impariamo che a volte c’è una differenza tra i nostri pensieri e sentimenti, i pensieri e i sentimenti degli altri.
L’empatia è la nostra capacità di vedere le cose dal punto di vista di un’altra persona e di prendere in considerazione i loro pensieri e sentimenti individuali riguardo a un’esperienza.
Questo diagramma di Venn mostra la relazione tra “autocoscienza” e “consapevolezza altrui” e come l’area in cui si sovrappongono è quella in cui sperimentiamo l’empatia:
come sviluppare intelligenza emotiva
Naturalmente, non potremmo mai comprendere completamente la mente di un’altra persona, ma possiamo apprendere attivamente i pensieri e le sensazioni interiori di una persona prestando attenzione a ciò che sta comunicando verbalmente e non verbalmente.
L’empatia è una sorta di “lettura della mente”, si basa sulla lettura dei “mondi interni” delle persone sulla base delle loro azioni esterne.
Un altro potente strumento per migliorare l’empatia è la prospettiva. Questo è un esercizio mentale in cui si immagina di sperimentare una situazione dal punto di vista di un’altra persona per comprenderla meglio.
Sii più disposto a chiederti: “Che cosa sta pensando questa persona? Che cosa prova questa persona? Perché questa persona agisce nel modo in cui lo fa? ”
Questi tipi di domande costituiranno un ottimo punto di partenza per costruire più empatia nelle relazioni quotidiane.

Abilità sociali

L’ultimo dei pilastri dell’intelligenza emotiva sono le abilità sociali.
Una volta comprese le emozioni di te stesso e degli altri, la prossima domanda è “Come rispondo alle emozioni degli altri?
Questo è il punto in cui le abilità sociali entrano in gioco come l’ultimo pilastro dell’intelligenza emotiva.
Innanzitutto, comprendi che gran parte del nostro mondo emotivo ha una componente sociale.
Ad esempio, emozioni come l’amore, il senso di colpa, il rifiuto e l’imbarazzo sono quasi esclusivamente emozioni sociali (raramente esistono al di fuori del contesto delle nostre relazioni con gli altri).
Per costruire relazioni sane è quindi importante essere in sintonia con le emozioni degli altri, in particolare su come rispondono alle nostre azioni e al nostro modo di parlare.
 lavorare con intelligenza emotiva
Se le tue azioni causano emozioni negative in altre persone, allora ciò può danneggiare una relazione e la tua capacità di connetterti con gli altri in modo significativo.
Coltivare emozioni positive  come la gioia, l’ottimismo, l’entusiasmo e l’umorismo  è la chiave per legare gli altri in modo forte e duraturo.
Ti è mai capitato di entrare in una stanza di persone  depresse o stressate, e iniziare immediatamente a sentirti depresso e stressato?
Questo è un esempio di contagio emotivo, che è l’idea che le nostre emozioni possano spesso diffondersi ad altri come un virus.
Allo stesso modo in cui le emozioni degli altri ci influenzano, le nostre emozioni influenzano le altre persone. Quindi, se affronti la vita con un atteggiamento generalmente positivo, questo si ripercuoterò con le persone con cui interagisci.
Abbiamo visto i 5 Pilastri dell’intelligenza emotiva. Se vuoi approfondire puoi leggere il libro “Intelligenza Emotiva” di Goleman.
Ti lascio con il libro di Daniel Goleman:
“Le persone competenti sul piano emozionale, quelle che sanno controllare i propri sentimenti, leggere quelli degli altri e trattarli efficacemente , si trovano avvantaggiate in tutti i campi della vita , sia nelle relazioni intime che nel cogliere le regole implicite che portano al successo.”

 

Circa l'autore

Riccardo Fontana

Da sempre ho come sogno quello di aiutare, ispirare le persone a diventare la loro migliore versione possibile. Da questo obiettivo nasce il blog. Nella vita di tutti i giorni mi occupo di digital marketing e Cooperazione Internazionale. Non smetto mai di formarmi ed applico quotidianamente la filosofia del Kaizen: il miglioramento continuo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.